07 maggio 2017

Recensione ★ Il castello errante di Howl

Libro notturno, recensione notturna! L'insonnia fa anche questo...

Il castello errante di Howl
 di  Diana Wynne Jones


Sophie vive a Market Chipping ed è la prima di tre sorelle. Quando la nuova compagna del padre decide le loro strade, si ritrova ad essere l'unica a lavorare nella cappelleria del padre. La sua dote artistica fa sì che i suoi capelli, molto graziosi, diventino sempre più popolari. Nel frattempo sulle colline attorno a Market Chipping compare una strana costruzione, tutta camini e comignoli, che si sposta qua e là. Si dice che sia occupata dal Mago Howl, che irretisce giovani ed avvenenti fanciulle solo per mangiarne l'anima.
Nel frattempo a Kingsbury un re ha perso il mago di corte e un fratello, a Porthaven cercano rimedi magici per i viaggi per mare… e altrove una sorella cerca suo fratello. E in tutto questo, ovviamente, c'è la Strega delle Lande Desolate, che ha deciso che Sophie è scomoda e che deve liberarsene. E per farlo sceglie un incantesimo molto singolare: la trasformerà in un'anziana signora novantenne, sperando così di impedirle di agire.

Ho letto questo libro perché mi ero incuriosita, dopo aver visto il famosissimo film dello Studio Ghibli. Devo dire che il libro mi è piaciuto molto più del film, anche se ci ho visto molte cose simili.

La prima cosa che mi è piaciuta, del film e del libro, è il fatto che sembrano racconti di sogni. Okay il fantasy, okay la magia… ma alcune cose, alcuni passaggi, alcuni incantesimi e scelte sono così fantasiosi da rasentare l'assurdo, dando a tutta la vicenda dei tratti di sogno che mi hanno sconcertato un pochino ma che allo stesso tempo mi sono piaciuti moltissimo.

I personaggi stessi mi sono piaciuti molto: Sophie in primo luogo, è stata una vera scoperta. Nel corso del libro cresce davvero molto, pur rimanendo fondamentalmente mite e dimessa come all'inizio. Il suo cambiamento è notevole ma mai fuori dal personaggio, e questo trovo che sia fantastico. Anche Howl, è un eroe-non eroe, e mi è piaciuto molto soprattutto per il suo coraggio e la sua stravaganza: immaginereste mai l'eroe di un fantasy che passa almeno due ore in bagno prima di uscire e ne esce tutto profumato e agghindato?
Anche gli altri personaggi mi sono piaciuti molto: Calcifer in primo luogo, poi anche Lettie e Martha, Michael… la stessa Strega delle Lande Desolate. Sono tutti ben tratteggiati e anche se sono solo personaggi secondari trovo che siano tutti ben descritti e caratterizzati.

La trama è molto bella, tipica di un fantasy sotto certi aspetti ma molto originale sotto altri. In pratica si basa tutta su quest: la Strega delle Lande vuole Howl, Sophie vuole spezzare l'incantesimo su di sé e per questo stringe un patto con Calcifer, promettendogli di spezzare l'incantesimo su di lui. Il re rivuole il suo mago di corte e suo fratello e chiede ad Howl di riportarglieli. Howl vuole solo essere libero.
Tutte queste storie di desiderio e ricerca si intrecciano, si incastrano, si annodano… e alla fine, quando sembra che non ci sia speranza più per nessuno, vengono tutte riacchiappate senza farsi sfuggire nemmeno un dettaglio.

Una cosa che mi è piaciuta è sicuramente l'invenzione di questo castello con la porta che si apre su quattro mondi diversi. Uno di essi, che non svelerò per non fare spoiler, è veramente originale e sorprendente! E nel film - mi pare - non ci sia, per lo meno con quelle caratteristiche.

Un bel fantasy, ricco di magia, azione e personaggi interessanti. La storia si svolge in due "spezzoni", diciamo, ma è ben costruita e inizia e finisce con completezza. So che ci sono dei libri dopo questo, due o tre mi pare, e penso che li leggerò. Però anche come autoconclusivo non è male!


Se ti do un indizio e ti dico che è un indizio, diventa un'informazione.


Stelle: 4/5

2 commenti:

  1. Ciao! Questo libro mi ha sempre incuriosita, ma non l'ho mai letto perché conosco il cartone a memoria in pratica.
    Ma dopo la tua recensione lo aggiungo alla lista e spero di riuscire a leggerlo entro quest'anno :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me è piaciuto molto proprio perchè ha pochissime cose in comune con il film! Leggilo se ti capita! :)

      Elimina

Grazie per il tuo commento! -- Lyra