Recensione ★ Il bacio della sirena

Oggi recensisco il mio primo "libro dell'insonnia". Dovete sapere infatti che faccio piuttosto fatica ad addormentarmi, a volte, e dividendo la stanza con mia sorella la luce viene di solito spenta presto. Si spegne la luce, si accende l'ebook.


Il bacio della sirena di  Tera Lynn Childs


Lily è l'erede al trono di Thalassinia... un regno un po' particolare perchè sorge nell'Oceano Atlantico. Chi abita questo regno, però, può camminare nel mondo come un'umano (sebbene abbia costantemente bisogno di bagni e acqua salata per sopravvivere), vivendo quello che tutti i bipedi vivono. L'unica particolarità è che quando una sirena bacia per la prima volta un'altra persona, con lei crea il "legame", destinato a trasformare l'umano in mezzo-pesce e a portarlo a vivere con sè, per sempre felici e contenti, sott'acqua. Ma il primo bacio di Lily non va esattamente come ha sperato: invece dell'aitante capitano della squadra di nuoto, il bello e affascinante Brody, si trova a baciare il suo maleducato, ribelle e irriverente vicino di casa.  Quince, che la tampina in ogni momento, che non fa altro che andarsene in giro rombando sulla sua moto e infastidendola in ogni momento. E Lily dovrà portare lui a Thalassinia e convincere suo padre a sciogliere il loro legame... o vivere per sempre con lui.


Attenzione: questa recensione potrebbe contenere spoiler.
Se volete leggere il libro e (provare ad) esserne sorpresi non andate avanti.

Il libro dell'insonnia, dicevo. Ed è stato quello l'unico motivo per cui sono riuscita a finirlo. Quello e la mia amica Ariel - sirenetta anche lei - che mi ha detto di tenere duro e arrivare alla fine, perchè una svolta ci sarebbe stata. Per fortuna le ho creduto, perchè se mi fossi fermata dove pensavo, questa storia si sarebbe beccata un bel zero stelline... con successivi insulti della serie "se provavo a dormire era meglio".

Sì, perchè sinceramente, non mi sento di consigliare questa storia a nessuno. Ne ho detestato praticamente tutti i personaggi, in particolare la protagonista. Lily è ostinata, superficiale, sciocca e tremendamente - tremendamente - infantile. I suoi pensieri e le sue emozioni io le provavo... beh, circa a dodici anni. E lei ne ha diciotto. Okay che sei una piccola sirena venuta dal mare e che è tutto nuovo per te... ma alcuni ragionamenti e filmini mentali che si fa sono tipici di una persona molto più piccola, secondo me.
Anche gli altri personaggi sono particolarmente piatti e non degni di nota, a mio parere: tutta una schiera di stereotipi senza particolari invenzioni. Dosinia, la ragazzina che si atteggia e che sembra offrire le sue grazie al mondo intero perchè lei è meglio di tutti (tipico clichè da cheerleader sottomarina), l'amica-da-liceo Shannen (la cui sintonia con Lily non è trapelata granchè, ma vabbè, sono sottigliezze... in confronto ad altre cose), il rompiscatole un po' ribelle ma col cuore tenero Quince e il figo paura ma stupidissimo Brody. L'unica che si salva, che dimostra un minimo di cervello e di personalità è secondo me Peri, la sua amica sirena. Lei sì che ha un po' di intelletto.

Come dicevo stamattina ad Ariel, un riassunto del libro è più o meno così: «Quince mi sta dietro ma io amo Brody, Quince mi bacia ma io amo Brody, Quince è bello/tenero/carino/disponibile/dolce ma io amo Brody, Brody mi parla, capisco che è uno scemo, quindi amo Quince». Punto.
La quintessenza di questo libro è proprio questa: ci scivola davanti una serie di occasioni in cui scopriamo quanto Quince sia bello (ci sono più punti in cui sottolinea i muscoli e gli occhi di Quince di quelli in cui sottolinea quelli di Brody, ve lo assicuro), dolce, profondo e sensibile... a cui ostinatamente Lily risponde "ma cosa sto pensando? Io amo Brody!". Letteralmente. Una cosa agghiacciante.
L'idea dell'essere coi paraocchi, talmente presa dietro all'idea di una storia con uno da non vedere chi si ha vicino è molto bella, secondo me, bella ed educativa per le ragazzine che leggono questo libro... ma secondo me poteva essere giocata meglio in un libro in terza persona. In quel modo chi leggeva poteva rendersi conto di quanto Quince fosse meglio di Brody, senza farlo pensare alla protagonista facendo venire voglia di darle il numero di un buon psicoterapeuta.
I continui altalenamenti della protagonista e il fatto che il libro è tutto un sopra/sotto il mare mi hanno fatto sentire come se la storia si stesse continuamente ripetendo, invece di andare avanti. E la parte delle "prove" per sciogliere il legame l'ho trovata proprio artificiosa, costruita proprio per dimostrare a tutti quanto amorevole fosse Quince e quanto stupida fosse lei a correre ancora dietro a Brody.
Senza contare che poi si accorge in tre parole - giuro, tre parole - che lui è stupido, per correre tra le braccia di Quince, perchè lui la ama. La ama. Senza nemmeno conoscerla, oserei dire... cosa che Lily stessa ammette che sia stupida, dal momento che dice "non posso amare Brody, non lo conosco neanche!". Veramente, ho trovato questo libro davvero privo di logica e intelligenza, un insieme di scenette fatte apposta per far sospirare le persone e senza una vera trama. Da qui si evince che volevo dargli zero stelle.

Ma poi Peri ha fatto il suo discorsetto a Lily, e quello mi ha emozionato davvero! Le ha spiegato perchè lei e Quince sono una bella coppia... e quello ammetto che è stato una bomba! Le ragazzine ingenue che hanno seguito la storia fino a lì magari pensando davvero che Quince era meglio perchè era muscoloso, o biondo, o con gli occhi azzurri... capiscono che il vero motivo per cui loro stanno bene non sono i regali o la bellezza o l'intesa o che ne so io... ma perchè tirano fuori l'uno il meglio dell'altra. E questo sì, che è un motivo per cui un'unione va valorizzata e coltivata! Quindi, grazie a Peri, questo libro si becca due stelline.

Il finale poi mi ha lasciato un po' così. È la classica cosa messa lì per farti comprare il seguito. Stavolta però - giusto per restare in tema di graziose metafore oceaniche di cui era pieno il libro - io non abbocco.


Quince ti farà pure uscire dai gangheri, ma quando ce l'hai accanto è come se avessi una luce diversa. Lo affronti a testa alta, mentre con gli altri la abbassi.


Stelle: 2/5

6 commenti:

  1. Farò da cavia per i seguiti e ti faccio sapere XD Spero in un aumento dell'azione e in una trama più articolata... Insomma gli concedo il beneficio del dubbio, alla fine quando si tratta di sirene leggere non mi pesa, neanche in caso di libri non proprio eccellenti.

    Questo lo considero un libro da sfogliare senza troppe aspettative, chiaramente non è il capolavoro del secolo e ha i suoi difetti, ma (perlomeno per quanto mi riguarda) mi ha intrattenuta e divertita.
    Una cosa su cui mi sarei soffermata di più, se fossi stata la scrittrice, sarebbe stata nelle descrizioni delle sirene in se: forma della coda, delle pinne... Che in genere è ciò per cui vivono le appassionate come me, perché ogni sirena è diversa, non cambiano solo i colori e le sfumature. Questa carenza mi ha delusa un po', perché speravo in tante descrizioni - se non altro i luoghi sottomarini erano descritti abbastanza bene ^^" #megliodiniente

    Ah una cosa a cui ho ripensato stamattina... Ci hai fatto caso che le reazioni a lei che confessava di essere una sirena erano alquanto blande? Shannen non ha praticamente reagito, dai XDDDD

    PS: Peri è senz'altro la mia preferita! ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai assolutamente ragione!!! Nessuno che le ha dato della pazza nemmeno per un minuto... limitandosi a dire "forte", sorridere o crederci. Ci sta se la suddetta sirena è quella con cui ti vuoi mettere, ma per gli altri due... bah! :P
      Grazie del commento! Tu rimani la mia sirena preferita! ;)

      Elimina
  2. Ahia, così pessimo?
    Comunque capisco la questione della sorella che spegne presto la luce. Vale lo stesso da me ehhe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho ovviato con ebook retroilluminato o luce da notte! Quanto a questa storia... non è proprio uno zero spaccato ma diciamo che non la consiglio! Grazie di essere passata! ;)

      Elimina
  3. Non ho letto questo libro, ma non mi ha mai ispirata :/

    RispondiElimina
  4. Mi dispiace che non ti abbia convinto, Lara! Io l'ho letto un po' di anni fa e all'epoca l'ho trovata una lettura molto carina, ma non avevo letto molti young adults e probabilmente adesso non mi piacerebbe molto xD

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento! -- Lyra

copyright © . all rights reserved. designed by Color and Code

grid layout coding by helpblogger.com