Recensione ★ La verità delle ossa

Lotto Reading Challenge #22 -- Leggi un libro pubblicato nel 2015
Posto una recensione "bonus" per poter mandare la mail alle ragazze della Lotto Reading Challenge con un libro in più...
riuscirò a concorrere almeno per il terzo premio? Io lo spero! ;) 

E con questo si conclude la lista di libri di Kathy Reichs letti quest'anno! Devo dire che il mio agente Booth mi ha fatto proprio un bel regalo lo scorso Natale... non solo un bel libro da leggere ma anche una stupenda saga da amare e a cui appassionarsi sempre di più!

La verità delle ossa di Kathy Reichs

  
Quando una insolita detective dilettante di nome Hazel "Lucky" Strike arriva nel suo ufficio, Temperance Brennan non si aspetta di essere incastrata in una oscura storia di esorcismi e violenza. Ma la registrazione che la donna porta con sè non lascia spazio a dubbi: una ragazza è segregata e martoriata da qualche parte.
Oltre al caso che ha per le mani, però, Tempe è in pensiero anche per la sua vita privata: la relazione con l'agente Ryan sembra sul punto di dover ricevere una svolta, e lei non è affatto sicura di dove la vuole portare.
Molto meglio dedicarsi al caso, all'identificazione delle ossa trovate in un dirupo (si tratta forse della stessa ragazza? È troppo tardi per salvarla dai suoi aguzzini?)... e a cercare di evitare di essere uccisa da qualcuno che sembra davvero troppo folle per essere reale. Questo caso della dottoressa Brennan ci porta dritti dritti in un luogo in cui niente è quello che sembra.


Ho veramente amato questo libro, divorandolo nel giro di... boh, forse tre giorni. Temevo di dover aspettare Natale per poter leggere il seguito di Le ossa non mentono, che mi è piaciuto un sacco e mi ha lasciato con il fiato sospeso sul finale, invece verso settembre l'ho trovato proprio di fronte a me entrando al supermercato. Questo libro mi è piaciuto leggermente meno del precedente, ma è colpa solo del caso, che era veramente troppo troppo oscuro per i miei gusti.

Lo stile della Reichs invece è sempre impeccabile, la sua capacità di seminare indizi e poi farli saltare fuori al momento giusto è individiabile da chiunque si definisca uno scrittore. Anche stavolta sono riuscita a tenere insieme le fila del caso, a seguire le indagini con Temperance e a fare anche qualche mia proposta su moventi e identità... indovinando anche, a volte.
Ma, come sempre, alla fine la storia lascia il giallo e diventa thriller. E Tempe da investigatrice diventa preda. Lì sì che sono stata in ansia, perchè non mi aspettavo quello che è successo... era una cosa così assurda e fuori dagli schemi che davvero non me la potevo immaginare. E Dio solo sa quanto io ami i libri che non mi fanno immaginare il finale alla terza pagina.
Tempe è sempre meravigliosa, io la adoro davvero: è fredda e razionale davanti a un tavolo da autopsia ma non dimentica mai la sua parte umana. In Bones troppo spesso è ritratta come insensibile, sembra che non ricordi che quelle ossa erano una persona... ma credo che sia solo un deficit della ripresa televisiva, perchè nei libri non è così: il potere di immedesimazione dato dalla prima persona fa capire quanto in realtà la dottoressa Brennan ci veda della gente vera, in quei resti. Quanto lavori per dare loro giustizia, e non per "risolvere un caso".
Ultima ma non meno importante è la questione affettiva: Tempe si ritrova a dover valutare la proposta fattale dall'aitante agente Ryan alla fine del libro precedente, quella che mi ha fatto restare con il fiato sospeso... e io ho avuto per tutto il libro l'ansia per quella risposta. Chi mi conosce sa che se i miei preferiti non si amano più, io mi offendo e smetto di seguire la serie. Per un bel po' ho meditato se comprare o no questo libro, temendo che Andrew e Temperance si sarebbero lasciati. E in più in questo libro la Reichs ha fatto un'altra delle sue ottime prove: ci ha infilato l'agente Ramsey, bellissimo e intelligente... e mi sono detta "ecco, ciao ciao agente Ryan, lo sapevo".
Ma alla fine posso dire che, anche se non è andata esattamente come speravo e mi aspettavo,sono contenta del finale. Che poi, come ho già detto, se il finale non me lo aspetto è ancora più bello. :)

«Devo essere me stessa, Ryan. Per combattere le mie battaglie, per vincerle o perderle. Non possiamo giocare a Galahad e alla damigella in pericolo.»
«Messaggio ricevuto, adesso come allora»
.


Stelle: 4/5

2 commenti:

  1. Non si cosa io stia aspettando, dopo tutte le tue recensioni entusiaste, per comprare i libri... probabilmente il tempo per leggerli ><

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaha... risposta super azzeccata cara! :)

      Elimina

Grazie per il tuo commento! -- Lyra

copyright © . all rights reserved. designed by Color and Code

grid layout coding by helpblogger.com