14 dicembre 2014

Did, Do, Will #7

Mentre il Natale si avvicina, leggo di più... ed ecco una nuova puntata di questa piccola rubrica, giusto per "fare il punto" della situazione! Dubito che riuscirò a vincere la mia challenge annuale, contava 50 libri e sono appena a 40... sob.



Did, Do, Will è una rubrica creata da Ika, che posterò ogni volta che finirò un libro.

Bisogna elencare:

- Cosa hai finito di leggere? (DID)
- Cosa stai leggendo? (DO)
- Cosa pensi leggerai? (WILL)




#DID
L'alchimista di P. Coelho
Un ponte per Terabithia di K. Paterson
Brutti di S. Westerfeld
Il tredicesimo dono di J. H. Smith




   


#DO
Dopo aver lasciato a metà, con molto disappunto, Città di vetro e Regalami una favola, sto cercando qualcosa di veramente degno di essere letto sul mio eReader.

Perfetti di S. Westerfeld è meraviglioso,
ma non va bene per le notti insonni quando la stanza è al buio perchè mia sorella dorme...


#WILL

Dopo la tremenda delusione data da Regalami una favola (e da quella più lieve del Tredicesimo dono), ho deciso di lasciar perdere i romanzi rosa... probabilmente proprio non fanno per me.
Ho ancora in attesa:
Corpi Freddi di K. Reichs e La città delle ossa di Michael Connelly
e pensavo di rileggere magari Reckless di Cornelia Funke...

  

 

Sinceramente vorrei qualcosa di veramente accattivante, che non ti fa più appoggiare il libro sul tavolo e che ti fa passare la fame e la sete. Visto che Natale si avvicina e che mia mamma mi ha concesso un regalo libroso... cosa mi consigliate?
I miei gusti sono semplici: niente clichè, niente vampiri&company e niente storie rosa o lacrimevoli.
Per il resto sono aperta a tutto (anche se poi sono mooooolto difficile...)

Si accettano suggerimenti!

4 commenti:

  1. Come ti è sembrato Brutti di Westerfeld? Io l'avevo iniziato ma poi l'ho abbandonato.. Non c'è la facevo a proseguire!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me è piaciuto tantissimo!! Uno dei migliori distopici che io abbia mai letto, molto profondo nel significato e avvincente nella narrazione... Naturalmente ognuno ha i suoi gusti e le sue preferenze, ma a me è piaciuto davvero tanto! c:

      Elimina
  2. Un ponte per terabithia e Brutti mi ispira molto! E leggo anche che almeno il secondo ti è piaciuto! Non si sono rivelati libri troppo "per ragazzi"? Io ho sempre questa paura >.<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un ponte per Terabithia è molto diverso dal film, secondo me. È carino, ma effettivamente un po' "per ragazzi"... ma una lettura leggera che si fa volentieri per spezzare! Brutti invece non è per niente per ragazzi! È molto in stile Hunger Games, secondo me, non è per niente semplice e soprattutto ha un significato molto profondo!

      Elimina

Grazie per il tuo commento! -- Lyra