Dieci cose ★ On stage!

Le feste hanno fatto saltare ben due post di questa rubrica, ma con l'anno nuovo sono più determinata che mai a portarla avanti... e questo mese il tema è una delle mie passioni più grandi: il musical!


(c) NYFA
1 - Perchè a Gennaio. Per tre anni di fila gennaio è stato il "mese del teatro": sono andata a vedere Notre Dame De Paris agli Arcimboldi, La Bella e La Bestia (meeeeeraviglioso) al Teatro Nazionale e Robin Hood al Manzoni. Purtroppo da quando sono all'università le occasioni si sono rarefatte in maniera incredibile causa esami e da qualche anno ho dovuto perfino mettere in stand-by questa mia abitudine per concentrarmi sullo studio... però ho deciso che recupererò, magari in altri mesi, tutti i musical bellissimi che mi sono persa! [Grazie, Musical.it, per i tuoi preziosi aggiornamenti ^^]

2 - L'accordo iniziale. Ricordo bene il primo musical di cui io abbia avuto conoscenza: ero in seconda media e sul libro di musica la mia attenzione era stata attirata dalla foto di due tipi abbracciati accanto alla scheda di un film musicale super tragico in stile Romeo e Giulietta chiamato West Side Story. C'era anche il testo di Tonight, in versione inglese e in traduzione, e le parole mi piacquero così tanto che per settimane cantai quella canzone con un inglese tremendo e inventando completamente la melodia, dato che non l'avevo mai sentita.

3 - Vederli dal vivo... Quando ero in terza media il mio oratorio organizzò un musical sulla storia di Giuseppe (quello d'Egitto, che interpreta i sogni) per un ragazzo della mia Parrocchia appena diventato prete. Ho guardato tutto lo spettacolo con occhi e bocca spalancati, cercando di assimilare ogni singolo frammento di emozione che proveniva dal palcoscenico. Le mie due amiche ridevano, quando io dicevo loro che non riuscivo a esprimere quanto mi fosse piaciuto...

4 - ...e viverli dal vivo. E naturalmente dopo quella esperienza "diretta" nessuno più è riuscito a tenermi lontano dal palcoscenico. Ho sempre amato il teatro, e avevo partecipato con un ruolo più o meno importante a tutti gli spettacoli del mio oratorio... ma ad un musical mai. Mai finchè non mi sono ritrovata vestita da ancella egiziana, insieme a tre mie coetanee, a cantare davanti a tutto il forum di Assago! La FOM aveva chiesto a noi di mettere in scena un medley delle canzoni di quel musical perchè il tema dell'oratorio estivo sarebbe stato proprio Giuseppe... ed è stata un'emozione veramente folle.

5 - Su e giù dal palco. Nonostante la mia passione, però, ho dovuto ammettere di non avere la stoffa da attrice di musical: non so ballare e quanto agli assoli, è meglio che li lasci alla mia amica Veronica. Ho partecipato come comparsa, come corista e come ballerina di fila a quasi tutti i musical del mio oratorio, ma è stato solo con l'ultimo che ho trovato qual è davvero il mio posto, ed è dietro le quinte. Non avete idea dell'emozione e della sensazione di sogno diventato realtà che si prova quando si vede davvero, davanti ai propri occhi, una scena che si è solo immaginata e scritta. Avevo la pelle d'oca quando mi è capitato con Parsifal, l'ultimo musical che abbiamo messo in scena in oratorio.

6 - Gleek out! Nella mia famiglia non c'è la cultura del musical e al di là di West Side Story e Grease conoscevo solamente Jesus Christ Superstar, che ai miei genitori piace molto e che riguardiamo tutti gli anni. Se c'è una cosa che ha fatto aumentare esponenzialmente la mia conoscenza di questo mondo è sicuramente il telefilm più musicale che esista: Glee. Ho iniziato a vederlo all'università e mi sono resa conto quasi subito che era il telefilm perfetto per me sotto tanti punti di vista, non solo per quanto riguarda la cultura musicale (ma di questo ve ne parlerò un'altra volta, in un altro "Dieci Cose").

7 - The Best Of. Credo che il mio musical preferito sia Wicked: adoro i personaggi, la storia, la scenografia, la morale... tutto. Non mi dilungo perchè ho intenzione di leggere il libro e quindi ve ne parlerò meglio prossimamente. Al secondo posto ci sono I Miserabili: diversissimi da Wicked per mille motivi ma altrettanto appassionanti. Se posso permettermi, non guardate il film recentemente uscito con Hugh Jackman: è terribile, in confronto alla versione originale! Io amo la versione live che ho all'O2 arena di Londra, che anche se è solo un concerto e non uno spettacolo con scenografia e recitazione è comunque una versione tremila volte più bella. Tra gli altri musical che riguardo sempre con gioia ci sono ovviamente Il Mago di Oz con Judy Garland, Tutti insieme appassionatamente con Julie Andrews, Funny Girl (che mi ha fatto scoprire Barbra Streisand e ri-scoprire Omar Sharif), Notre Dame De Paris di Cocciante e Il Fantasma dell'Opera, ma anche di questo mi piace la versione teatrale e non quella con Emmy Rossum, che mi sta abbastanza antipatica...

8 - Il West End. Se qualcuno di voi è stato a Londra, probabilmente è passato da Piccadilly Circus, dove ci sono tutte quelle insegne al neon e i negozi superscintillanti... e dove ci sono i botteghini che vendono i biglietti per i musical del West End, minuscoli sportellini pieni di cartelli e locandine incastrati tra una vetrina e un portone. Non mi aspettavo che ci fosse una piccola Broadway a Londra e quando ci sono capitata in mezzo credo che mi sia saltato il cuore fuori dal petto, si sia fatto un giro tra i poster e poi sia tornato al suo posto. Ero così emozionata, ma così emozionata... che ho speso le 25 sterline tenute da parte per la maglietta dell'Hard Rock Cafè per andare a vedere Wicked. Giuro che non ho mai speso meglio dei soldi: come ho già detto, la magia dei musical dal vivo non ha davvero prezzo. Trovate qui il resoconto a caldo di quella meravigliosa esperienza.

9 - Disney in musica. Una menzione di merito va ai capolavori della Disney, che da La Sirenetta in poi sono diventati uno più "musical" dell'altro! Quando sono andata a vedere La Bella e La Bestia al Nazionale mi sono stupita di quanto la versione Broadway della mia favola preferita fosse meravigliosa! Da allora mi sono resa conto che più il cartone è musical, più mi piace: La Sirenetta è uno di quelli che preferisco, Rapunzel mi piace alla follia... ma dopo aver visto Frozen devo dire che spero proprio ne facciano un musical per volare a Broadway a vederlo: era tutto così teatrale! Le scenografie, le inquadrature, i costumi, la gestualità... e la voce di Idina Menzel nella canzone Let It Go di Elsa mi fa venire le lacrime agli occhi ogni volta che la risento. Wow.

10 - Sognando Broadway. Nella mia storia di musical-addicted manca ancora un preziosissimo tassello: Broadway. Non ci sono mai stata, eppure ogni volta che alla tv fanno vedere New York e inquadrano Times Square indico la tv lanciando urletti come se avessi rivisto un parente lontano. Ogni volta che non ho voglia di studiare/lavorare penso che quello sforzo mi porta un po' più vicino a laurearmi o ad avere abbastanza soldi per andare a Broadway e vedere tutti i musical che amo dal vivo. Quando sono triste mi faccio un giro per Times Square con Google Map e penso che prima o poi vedrò quei posti dal vivo.

Quello che mi chiedo, in realtà, è cosa farò quando ci sarò riuscita... ma mi rispondo sempre con le parole di Flynn Rider:
❝Quella è la parte migliore: ti cercherai un nuovo sogno. ❞

11 commenti:

  1. Cioè, io ti amo, sappilo! *__*
    A parte che Elsa è diventata il mio tormentone (in famiglia hanno imparato la canzone pur non avendo visto il film perché io continuo a cantarla XD), e l'ho inserita nella rubrica che dedico ai personaggi Disney perché non potevo aspettare *_______*, ma credo di apprezzare ancora di più i musical da quando sto effettivamente muovendo i primi passi nel teatro (ovviamente tutto amatoriale e senza una lira): è davvero un mondo magico! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, la canzone di Elsa è incredibile... ma se non l'hai sentita in inglese ti consiglio di farlo, perchè Idina Menzel è veramente incredibile!
      E se sei così fortunata da poterti cimentare nel teatro, per quanto amatoriale, sono io che invidio e stimo te, più di quanto tu possa immaginare!!!

      PS: avevo visto il tuo makeup di Elsa! Carinissimo!!!

      Elimina
    2. L'ho ascoltata in inglese perché ero curiosissima, e l'ho apprezzata ancora di più <3

      Ti ringrazio! *.*

      Elimina
  2. Let It Go piace tanto anche a me *__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La canzone migliore di tutto lo spettacolo! *w*

      Elimina
  3. La bella e la bestia al Nazionale l'ho vista anch'io e sono uscita innamorata pazza di Lumiere! Bellissimo spettacolo, davvero grandiosi i costumi, tipo quello a cassettoni.
    Amo il teatro tutto, sabato abbiamo visto Lillo e Greg al Nuovo. Al mio oratorio hanno fatto Peter Pan davvero un lavoro da professionisti. Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo anche io che Lumiére sia stato uno dei personaggi migliori... e quanto ai costumi, condivido: grande spettacolo!

      Grazie del commento!

      Elimina
  4. Io amo molto la musica e di recente ho scoperto di amare anche i musical. Infatti proprio settimana scorsa ho visto Grease in inglese a teatro e mentre lo guardavo, mi veniva da ballare xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grease non è tra i miei musical preferiti ma credo comunque che sia fantastico! Chissà che emozione vederlo a teatro in lingua originale! c:

      Elimina
  5. Io adoro il teatro e la musica, non so perché non stravedo per i musical. Mi piacciono di più le due cose separate, però bello il tuo post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credimi, ci sono tante persone che come te amano le due cose separatamente! Grazie comunque di esserti fermata a leggere!

      Elimina

Grazie per il tuo commento! -- Lyra

copyright © . all rights reserved. designed by Color and Code

grid layout coding by helpblogger.com