18 gennaio 2014

Cercare

Cercare.
Cercare un credo, una strada, una professione, un obiettivo, una persona speciale nel delirio che ci circonda. Cercare sè stessi.

Cerca di vedere il grano che cresce nel tuo campo,
anche se fosse un'unica spiga in mezzo a un mare di zizzania.

Cerca di vedere le tue possibilità, le strade che si aprono davanti ai tuoi piedi, le vie che puoi ancora percorrere e non solo quelle sbarrate dai divieti o obbligate dai doveri.


Cerca quello che ti fa andare avanti... e renditi conto che non è altro che la passione. La passione per quello che ti piace fare, che ti spinge a sbrigare i tuoi compiti in fretta per ritagliarti un po' di tempo per te. La passione per il mondo - un mondo giusto e sbagliato insieme - e la passione per la gente che lo abita, quella che merita i nostri sforzi ma anche quella che sembra troppo lontana per essere raggiunta: si può sempre pregare, e una preghiera arriva là dove la nostra voce, le nostre mani o le nostre forze non arrivano.


Cerca i desideri veri che hai per te e per il tuo futuro. Cerca di capirli, di capire cosa ti manca, perchè è solo sentire la mancanza di qualcosa che ti farà mettere in cammino per vedere il mondo.

E anche quando sai cosa cercare, ricorda che la ricerca è appena iniziata: per raggiungere quello che ti manca devi cercare ancora la strada giusta.
Ma capire di averla trovata sarà facile, perchè ti accorgerai di essere felice mentre cammini.

Cerca di capire cosa fare per gli altri, agli altri, con gli altri. Per farlo devi prima capire cosa vuoi che sia fatto a te: solo allora saprai cosa fare agli altri.

Cerca di non fare paura. Di non avere paura. Di liberarti dalla paura.

Cerca di accettare le tue fragilità e le tue debolezze. Cerca di far cadere ogni maschera per mostrarti agli altri così come sei, perchè il semiarco delle tue debolezze si congiunga al semiarco di quelle degli altri e la struttura più debole che ci sia diventi quella che è in grado di sostenere ogni cosa.

Cerca in ogni giorno almeno un motivo di gioia: è il vero esame di coscienza, quello che ti fa capire fino a che punto hai vissuto la tua vita come Dio vorrebbe che tu la vivessi
Ti renderai conto che sei felice ogni volta che fai la Sua volontà.

Cerca di risentire l'eco della voce di Dio che nel tuo Battesimo ti ha sussurrato "Figlio mio, amore mio, mia gioia" proprio come ha fatto con Gesù, perchè allora troverai quello che cerchi, troverai te stesso:
tu sei il riflesso di Dio su questa terra.


- dalla catechesi di padre Ermes Ronchi. Lecco, 16 gennaio -

 
(c) OSC IB Blog

4 commenti:

  1. Che bel pensiero!
    A volte mi sembra di essere senza un ideale, ma credo (e spero) che sia solo nascosto in me...
    Comunque bel blog!

    RispondiElimina
  2. Non so se questa cosa possa farti piacere ma quando mi sento triste e sola è sul tuo blog che cerco la speranza. Per qualche strano scherzo del destino io sto ancora cercando quello che devo cercare. Non so bene chi sono, non so bene cosa voglio ma sono sicura che prima o poi troverò la strada che mi appartiene, è solo doloroso il percorso... Dopotutto è solo cercando che si può trovare qualcosa, no? XD!

    P.S. Grazie della speranza che mi trasmettono le tue parole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luna, quello che hai scritto è carinissimo e ti fa onore. Cercare la strada giusta è difficilissimo ma proprio come hai detto tu è solo cercando che si trova qualcosa!
      Grazie a te di essere passata di qui... e se vuoi parlare sai dove trovarmi! (:

      Elimina

Grazie per il tuo commento! -- Lyra