29 ottobre 2013

Tag ★ Books!

Trovo quasi incredibile pubblicare due post in tre giorni, ma la mia Ariel mi ha taggato in un post che non posso proprio farmi sfuggire, perchè è dedicato ad uno dei miei grandi amori: la lettura!
Lei è la mia make-up artist personale, oltre all'orecchio amico di un sacco di sfoghi. Più ci conosciamo e più scopriamo quante cose abbiamo in comune. Perfino i nostri blog sui circuiti di forum sono "gemellini"... Se mi leggi, Ariel, sappi che sono davvero felice di averti incontrata! *w*  

(c) CraftHubs

1) Come scegli i libri da leggere?
Per me dev'essere colpo di fulmine: in libreria vado diretta nella sezione fantasy o nella sezione bambini e il libro deve "saltarmi in braccio" dallo scaffale (a volte letteralmente, ho comprato libri che ho trovato caduti per terra o che mi sono finiti tra le mani mentre cercavo di prenderne altri XD). Poi mi concedo un attimo per guardare autore, trama e prezzo - in quest'ordine - ma se è stato colpo di fulmine di solito viene comprato comunque. È raro che in questo modo un libro mi deluda. Sono state più spesso una delusione i libri comprati su suggerimento, quelli comprati perchè costavano poco o perchè frutto di molta pubblicità...

2) Dove compri i libri: in libreria o online?
In libreria! Su internet non riesco ad avere colpi di fulmine.

3) Aspetti di finire la lettura di un libro prima di acquistarne un altro oppure hai una scorta?
Proprio siccome compro sull'onda dell'emotività trovo difficile non comprare un libro che m'ispira se ne ho duecento a casa che attendono... però devo ammettere che passo anche mesi senza comprarne. Basta non avere il tempo di passare in libreria. =P

4) Di solito quando leggi?
Principalmente d'estate, ma durante il periodo dell'università mi ritaglio un po' di tempo prima di dormire... tempo che di solito si dilata molto quando il libro è bello.

5) Ti fai influenzare dal numero delle pagine quando compri un libro?
Sì, lo faccio da quando avevo circa dieci anni. E allora non era facile trovare libri adatti a te che superassero le trecento pagine! XD

6) Genere preferito?
Come per la mia Ariel, ovviamente fantasy, fantasy e ancora fantasy! Non disdegno i romantici (quando non sono melensi) nè gli storici (quando non sono noiosi), ma non c'è niente come un buon libro fantasy, epico, avvincente ed emozionante! Devo dire che amo molto anche i classici per bambini, però: Piccole Donne, I Ragazzi della Via Pàl, Il Giardino Segreto e Pollyanna sono ancora tra i libri che rileggo più spesso!

7) Hai un autore preferito?
No, uno proprio no. Direi che Tolkien, Suzanne Collins e Cecilia Randall si contengono il primo posto. Mi piacciono molto anche Philip Pullmann, Lewis, Baccalario e Elisabetta Gnone.

8) Quando è iniziata la tua passione per la lettura?
Ho imparato a leggere a due anni e mezzo e da allora non ho mai smesso! All'inizio i miei mi regalavano libri adatti a una bimba della mia età, ma quando si sono accorti che in prima elementare rubavo i libri dai loro comodini perchè quelli per bimbetti mi annoiavano hanno iniziato a farli scegliere a me. I miei primi libri sono stati Pollyanna e Il leone, la strega e l'armadio!

9) Presti libri? 
Dipende. Se il libro mi piace nemmeno morta (ricordo un litigio infinito con mia sorella quando ero alle medie e voleva leggere i miei Harry Potter) ma se non mi è piaciuto arrivo a prestarli senza richiederli indietro. Comunque mi capita raramente perchè non conosco quasi nessuno che ami il fantasy.

10) Leggi un libro alla volta oppure riesci a leggerne diversi insieme?
Sul mio comodino ce ne sono sempre due o tre... ma se ne inizio diversi insieme è difficile che li continui contemporaneamente. È più probabile che io ne inizi uno che non mi appassiona e ne inizi altri fino a trovare quello che mi cattura. Vado molto a "momenti", ci sono periodi in cui voglio leggere cose avvincenti altre cose più leggere...

11) I tuoi amici/famigliari leggono?
La mia è una famiglia di lettori. In casa abbiamo libri ovunque! Leggiamo tutti libri molto diversi, però: io sono una fanatica del fantasy, mia mamma ama i libri di spiritualità, mia sorella adora Fabio Volo, De Carlo e cose simili e mio padre è un amante di libri di storia. Tra i miei amici ci sono molti lettori e a volte passiamo interi pomeriggi a parlare di libri! ^^

12) Quanto ci metti mediamente a leggere un libro?
Oh, beh, vado dalle mille e passa pagine di Hyperversum lette in una settimana al più modesto L'ultimo cavaliere di Terry Brooks che avanzava a passi di formica. Di solito dipende da quanto mi prende: più ci metto e di solito meno mi piace.

13) Quando vedi una persona che legge (ad esempio sui mezzi pubblici) ti metti immediatamente a sbirciare il titolo del suo libro?
Siiiii! Ma non so essere molto discreta, quindi è facile che io riceva anche un'occhiataccia! XD

14) Se tutti i libri del mondo dovessero essere distrutti e potessi salvarne uno soltanto quale sarebbe?
Ommamma mamma mamma. Domanda più o meno impossibile. Credo che sceglierei Pollyanna, non c'è libro che mi abbia cambiato di più la vita.

15) Perché ti piace leggere?
Perchè è il mio modo di cambiare vita, mondo e tempo. Perchè per me non è solo eclissarmi da questo mondo ma vivere in un altro. Perchè - come disse Picasso - tutto quello che si può immaginare è reale.

16) Leggi libri in prestito (da amici o dalla biblioteca) o solo libri che possiedi?
Sono una grande amante della biblioteca, ma tendo a leggere soprattutto libri miei perchè se mi sono piaciuti è un tormento quando li devo restituire! Ho pagato un mese e mezzo di multa quando ho riconsegnato Hunger Games perchè prima di restituirlo ho voluto aspettare che arrivasse in libreria per poterlo avere ancora...

17) Qual è il libro che non sei mai riuscito a finire?
Come Ariel non sono riuscita a finire Unika. Anche La Ragazza Drago non mi è piaciuto affatto e quindi è stato lasciato polemicamente a metà. Credo di avere altri libri a metà ma sono tutti in stand-by in attesa di tempo per riprenderli...

18) Hai mai comprato un libro solo perché aveva una bella copertina, e cosa ti attrae nella copertina di un libro?
Sì, ho comprato Rebel perchè m'ispirava la copertina... e non mi ha deluso, gran bel libro. Della copertina mi devono attirare soprattutto i colori e quello che evoca. Dev'essere qualcosa di magico, di affascinante... e anche di femminile.

19) C’è una casa editrice che ami particolarmente, e perché?
E chi guarda la casa editrice? Per me potrebbero essere tutte uguali! XD

20) Porti i libri dappertutto (ad esempio in spiaggia o sui mezzi pubblici) o li tieni “al sicuro” dentro casa?
Qui funziona più o meno come per i libri da prestare: se ci tengo sono tenuti con tutti i crismi e i carismi, se non me ne importa molto vengono portati ovunque. Pensate che ho una versione del Signore degli Anelli "da viaggio" e una che non esce di casa: è rilegata, con le figure ed è bellissima!

21) Qual è il libro che ti hanno regalato che hai gradito maggiormente?
In realtà ho ricevuto pochi libri in regalo (e ciò è male, perchè trovo che siano il più bel regalo che esista). Tra quei pochi il più bello è Il manuale del guerriero della Luce. Non è un romanzo ma è veramente molto bello e chi me l'ha regalato sapeva cosa mi stava dicendo con quel libro.

22) Come scegli un libro da regalare?
Non regalo mai i libri, perchè ho sempre troppa paura di non saperlo fare. Perchè io lo faccia devo conoscere veramente bene l'altra persona... e sono sempre libri letti prima da me. Non potrei mai dare a qualcuno un libro se non ho la certezza che valga la pena leggerlo!

23) La tua libreria è ordinata secondo un criterio, o tieni i libri in ordine sparso?
Partiamo da un presupposto: ho troppi libri e troppo poco spazio. Sulla mensola sopra il mio letto tengo i libri bellissimi, quelli che amo anche solo guardare prima di dormire. In uno scaffale della libreria della mia stanza, dietro i dvd dei musical, tengo i libri belli ma non fantastici... e poi tutti gli altri, quelli letti ma non degni di nota, sono ficcati negli armadi, nelle mensole, nella libreria del corridoio/salotto/ingresso. Ogni volta che arriva un libro bello e devo decidere quale di quelli della mensola deve cedergli il posto è una specie di lutto....

24) Quando leggi un libro che ha delle note, le leggi o le salti?
Non leggo mai libri con le note... a meno che non sia per l'università, ma allora sono obbligata a studiarle. XD

25) Leggi eventuali introduzioni, prefazioni e postfazioni dei libri o le salti?
Le leggo solo se sono scritte dall'autore del libro. Non mi interessa cosa pensa un tizio sconosciuto del libro che ho scelto di leggere. L'unico punto di vista che mi può incuriosire è quello di quello che il libro l'ha scritto!

26) Ricordi il primissimo libro che hai mai letto?
Pollyanna è il primo di cui io mi ricordi con chiarezza. Ma forse è solo perchè mi ha veramente colpito... devo averne letti tanti tanti, soprattutto favole, quando ero ancora all'asilo.

27) Ultimo libro letto?
Eeeh domanda difficile. Mi sa che è La terra delle storie di Chris Colfer. Non ne è valsa per niente la pena, ve lo dico. Uno dei rari casi in cui il colpo di fulmine finisce in una enorme delusione amorosa...

28) E-book o libri tradizionali?
Anche se sarò tacciata di essere rimasta "all'età della pietra" come dice la mia sorellina, lascio gli eBook a chi non ama il profumo della carta stampata, la sensazione delle pagine di un libro tra le dita, l'emozione della carezza sui rilievi di una copertina e il batticuore di tenere tra le mani il dolce peso di un'avventura tanto amata.

29) Lingua originale o traduzione?
Al momento ho letto solo libri in italiano, più che altro per abitudine. In inglese ho solo Foreign Exchange, il secondo libro della collana di Glee, ma non ho ancora avuto occasione di leggerlo.

30) Prossimi libri che hai intenzione di leggere?
Uuuh la lista è lunga, preparatevi. Il primo è sicuramente Millennio di Fuoco di Cecilia Randall, comprato giovedì e in attesa di essere iniziato (non vedo l'ora!!!). Poi ho Alla Ricerca di WondLa, L'atlante di fuoco, Bitterblue, Spells e Illusions... poi c'è anche Insurgent, ma credo che attenderà. E questi sono solo quelli che mi vengono in mente senza sforzarmi!



Aw, ho adorato questo post. Chiunque di voi lo legga è invitato a farlo, perchè è veramente bello. E se lo fate ditemelo, che sono curiosa di leggere tutte le risposte e di seguire altre bookaholic come me! *w*

27 ottobre 2013

Dieci cose ★ Su di me

È un po' che penso a qualche rubrica carina da proporre sul blog e oltre a una ideuzza collegata al mio (has)tag #stellinadorata che dovrà attendere ancora un po' di tempo per vedere la luce ho pensato a questo "Dieci cose": ogni ultimo weekend del mese cercherò dieci cose da raccontare, da farvi scoprire, da farvi sapere.

E per cominciare quale modo migliore se non scrivere un post con dieci cose su di me?

Per fare questo ho pensato di usare una foto molto immediata e significativa: la foto della mia bacheca. È appesa sul muro davanti alla mia scrivania e ce l'ho sotto gli occhi tutto il giorno e tutti i giorni, che io stia al pc o che studi, che disegni o che scriva.
Per metà è vuota, la uso per appiccicarci le cose da ricordare. L'altra metà, invece, è quella che racchiude le mie dieci cose.
1 - Regala ciò che non hai. La prima cosa da sapere su di me è che adoro stare in mezzo agli altri, lavorare per loro e cercare di portare loro un sorriso. Amo soprenderli con un regalo, chiedergli come stanno e condividere i miei pensieri. Per questo sulla mia bacheca è sempre appesa la poesia di Manzoni: "Regala ciò che non hai". Me l'ha dedicata una mia amica in un bigliettino di Natale e me ne sono innamorata, così l'ho appesa. È veramente bella, vi consiglio di leggerla.

2 - Don't stop believing. Chi mi conosce sa quanto io sia fan di Glee e sulla mia bacheca è attaccata una immagine tratta dal primo episodio con le firme dei protagonisti: è una foto veramente bella e piena di entusiasmo e ogni volta che la guardo mi ricordo di quanta forza e determinazione mi ha dato guardare Glee. Prima o poi dovrò condividere tutto quello che mi ha insegnato. Che non è poco, per essere solo una serie tv.

3 - Sentirsi amati. Questa piccolissima croce di legno me l'ha riportata una mia cara amica dall'Africa. Mi ha detto che lì ogni bambino ne aveva una e che sapeva mi sarebbe piaciuta. Io la trovo carinissima e l'ho appesa sulla bacheca per due motivi: perchè credo che sia giusto ricordarmi sempre quanto io mi debba sentire amata... e quanto io debba far sentire amati gli altri.

4 - A flight of fantasy. L'anello del Signore degli Anelli è appeso alla bacheca da quasi dieci anni, mentre la spilla con la foglia di Lorien e la scritta "anche la persona più piccola può cambiare il corso del futuro" è del tema del campeggio di quest'estate. Adoro i libri fantasy, vado matta per la lettura e mi sento sempre un'eroina quando finisco un libro epico. In più trovo che i messaggi del Signore degli Anelli siano veramente molto belli.

5 - Hunger Games. Ebbene sì, sono stata anche io influenzata dal filone distopico. Sebbene io sia una fan del fantasy fatto di draghi&magia, non sono riuscita a resistere: ho letto Hunger Games prima che diventasse famoso e ne vado fiera, sono innamoratissima di Peeta e credo che Katniss non lo meriti e mai lo farà. La spilla con la ghiandaia imitatrice non l'avrei mai indossata... ma mi piace un sacco come puntina!

6 - Volare alto. La frase di Nietzsche scritta su questo segnalibro dice: "Quanto più ci innalziamo, tanto più piccoli sembriamo a quelli che non possono volare". Trovo geniale questa frase e ho appeso questo segnalibro alla mia bacheca perchè fin troppo spesso mi capita che quando mi sembra di toccare il cielo con un dito c'è qualcosa o qualcuno che cerca di abbattermi. È giusto per ribadire che non permetto a nessuno di rubarmi il sorriso.

7 - Credere. Sono Cattolica, praticante e credente con entusiasmo e passione. Adoro il mio oratorio e la gente con cui lo condivido, mi piace il messaggio di Gesù e come mi fa sentire viverlo. Ogni singola cosa fatta per Lui ha un immenso valore per me, che mi porti lacrime o risate. Sulla mia bacheca è appeso il mio versetto preferito delle beatitudini: "Beati i puri di cuore, perchè vedranno Dio".

8 - Life is a musical. I musical fanno parte della mia vita. Come ho scritto in un paio di post fa e come si "sente" avvicinandosi alla mia stanza, non riesco proprio a fare a meno della musica e del teatro. Metteteli insieme ed ecco qui come nasce la mia passione per i musical! La foto che ho appeso mi è stata regalata da una mia cara amica mentre era a Londra: quando sono andata a trovarla sono andata a vedere Wicked ed ero così entusiasta che mi ha scattato questa foto per ricordo.

9 - Amore vero. Sono una persona terribilmente romantica. Scrivo tantissimo e adoro farlo, e nonostante la mia passione per il fantasy sono quasi sempre storie dal sapore romantico. Questa bambolina portachiavi si chiama Juliet e come la giovane Capuleti è la protettrice dell'amore vero, quello in cui io credo e che spero prima o poi entrerà a rendere la mia vita ancora più bella di quanto non sia già, ma anche quello che mi guida nello scrivere i miei racconti.

10 - Stelle. Certamente questa non è l'unica stella che campeggi nel mio angolino! Ho stelle ovunque e dappertutto, sono un po' il mio simbolo. Mi piace la loro forma, mi piace proprio come "disegno"... ma penso che mi rappresentino perchè io non vorrei essere un sole o una luna, nella mia vita. Non vorrei essere una di quelle persone che brillano al punto tale da non fare vedere nessun altro attorno a loro: vorrei essere una stella in una costellazione, brillante e luminosa da sola ma ancora più bella assieme a tutte le altre.




Ecco le Dieci cose di questo mese.
Molte sono sicura che ve le aspettavate (tipo le stelle, i musical e Glee), ma anche se parlo spesso del mio oratorio non credo di aver mai detto tanto esplicitamente quanto io trovi rasserenante essere credente.

23 ottobre 2013

Onda Perfetta


Questo è il mio viaggio, un'onda perfetta,
dove tutto combacia anche quando non sembra.

Oggi pomeriggio pensavo a quanto la vita riesca a portarti dalla parte giusta anche senza che tu te ne renda conto.

Subito dopo pranzo ho beccato su Joi un paio di puntate della prima stagione di House MD. All'inizio non pensavo che mi sarei fermata a guardarle: da quando ho lasciato medicina evito tutto quello che potrebbe farmi ripensare a quei quattro anni persi/vissuti/sprecati/preziosi della mia vita... ma alla fine la non voglia di alzarmi per fare i piatti e studiare ha vinto e sono rimasta davanti alla tv.
Rivedere la Cameron dei primi episodi mi ha fatto sorridere e stringere il cuore: era lei che volevo diventare, quando ho passato il test a medicina. Ero piena di ideali, di sogni, di speranze... sognavo di diventare premurosa e intelligente, brillante e gentile come il mio personaggio preferito del mio telefilm preferito. Ma naturalmente, per quanto tu possa fare dei sogni grandi, i sogni si scontrano sempre con la realtà. E allora sono arrivati tutti i problemi di cui un sacco di post taggati "università" di questo blog sono pieni.

Ma mentre guardavo l'episodio mi chiedevo anche come io sia finita ad una facoltà di cui non sapevo praticamente niente. Sono stata portata qui da qualcosa che non so, che non conosco, che mi ispirava solo per il nome: "assistente sociale".
Io non lo so come ci sono arrivata. Proprio non lo so.

Ma amo il fatto di provare passione per tutte le cose che leggo, ascolto e imparo a lezione. Amo animarmi nelle discussioni, prolungare l'argomento dopo la lezione, leggere prima di andare a dormire libri consigliati dalle prof e sentire che tutta me stessa è presa dalla materia. Amo vedere la mia vita colorarsi e fondersi con i miei studi.
A medicina non mi succedeva questo. E mentre guardavo aghi, pillole ed elenchi infiniti di virus (che ricordo ancora) pensavo che non avrei mai - mai - avuto il coraggio di fare il medico.

Sono felice di aver fatto la scelta che ho fatto. Alla faccia di tutti quelli che, quando scoprono la mia decisione, mi danno della pazza, della folle, della sfigata o della completa idiota.



Sì, questo è il mio viaggio, e adesso lo sento: il senso lo trovo in ogni momento. Anche quando non voglio c'è sempre un motivo. Mi fido, lo seguo, con fede lo vivo.
Onda Perfetta, The Sun

17 ottobre 2013

Life is a musical!

Riordinando il mio blog ho trovato più di un post in cui dico quanto la musica faccia parte della mia esistenza. Così ho deciso di inaugurare la "nuova vita" del Flowerstardust con una specie di tag. Ne ho visti un po' sul blog della mia Ariel e mi sono piaciuti molto, così - se volete - potete fare finta che sia quel tipo di tag: potete prendere la mia idea e riproporla sul vostro blog (magari dicendo dove l'avete vista, se vi va).

Dieci canzoni che mi rappresentano in questo momento.
E ovviamente perchè. 

#1 - Loser Like Me, Glee Cast
Ancora lei. Sì, lo so, sono noiosa. Ma è la canzone. La ascolto a volume incredibile quando sono molto felice, molto arrabbiata, molto positiva o molto a terra. Insomma, è terapeutica sempre, perchè parla di me.

#2 - I Was Here, Beyoncè
Anche se ascolto sempre la versione di Lea Michele, adoro anche l'originale dalla prima volta che l'ho sentita. Esprime tutta la mia voglia di "lasciare un segno" su questa terra, di fare qualcosa di grande, di non lasciare il mondo senza che la gente si possa ricordare di me.

#3 - Roots Before Branches, Room for Two
È vero, anche di questa canzone ascolto più la versione di Cory e Lea che l'originale... ma l'importante è quello che dice. Dice di non dimenticare che nessun fiore sboccia, se non ha messo radici prima dei rami.

 #4 - La tua canzone, Negrita
Oltre a ricordarmi i sei meravigliosi giorni di Spagna passati con due tra le persone più fantastiche di questo pianeta, visto che è stata la colonna sonora ufficiale della settimana a Blanes, continuo ad amare questa canzone perchè ogni volta che la ascolto ripenso al mio sogno, al biglietto aereo che mi attende per portarmi tra le stelle di Broadway.

#5 - One By One, Simple Plan
I Simple Plan sono una delle band che amo di più e mi sono innamorata di questa canzone al primo ascolto. La canto ogni volta che qualcuno mi dice che è inutile che io continui a sognare, parlare, pianificare e progettare grandi cose, perchè tanto i sogni non si realizzano. Secondo loro.

#6 - Spiriti del sole, The Sun
Amo questa band. Sono andata al loro concerto a luglio e alla testimonianza che hanno fatto a settembre... e più li ascolto più mi piacciono. Amo quanto siano semplici, credenti, Cattolici e affascinanti al tempo stesso. E amo questa canzone: mi rappresenta. E adoro pensare di essere uno "spirito del sole"!

#7 - Defying Gravity, Wicked
Non potevo non mettere un musical. E Defying Gravity (sia nella versione originale che in quella di Lea) è sempre uno dei pezzi che mi dà di più la carica. Che io sia arrabbiata o felice, che stia per fare una cosa bellissima o una che mi costa... mi dà sempre tanta motivazione. E poi è Broadway, parliamone.

#8 - Il giorno di Alice, The Sun
Un'altra canzone veramente intensa. L'ho sentita per caso tornando dalla gita sul Bernina e da quel momento mi ricorda una delle giornate più felici con la mia famiglia. È un vero inno alla semplicità che credo possa veramente dare e dire tanto a molte persone.

#9 - All About Us, He Is We feat. Owl City
Dovevo mettere qualcosa che ricordava uno dei miei racconti! Ho scelto la canzone che in Afferrare una Stella Kailey e Jamie ballano al loro primo appuntamento. Trovo quella scena incredibilmente romantica e la canzone è dolcissima. Quando la ascolto mi emoziono sempre, come se Kailey esistesse davvero... e come se fossi davvero io.

#10 - Need You Now, Lady Antebellum
Questa canzone (nella versione di Lea e Mark Salling, in realtà) mi ricorda l'ultima persona che mi ha fatto tremare e sospirare. Perchè, come dice la canzone "mi chiedo se qualche volta ti capito in mente, perchè a me capita spesso". So che non è interessato, l'ho capito, ma continuo a chiedermi se si ricordi di me...


Se anche voi avete una vostra personalissima colonna sonora, sarei felice di ascoltarla... si impara tanto della gente, ad ascoltare la musica che amano!

Glee Cast - Loser Like Me