Stavolta no!

Stavolta no, non ci ricasco.
Ho iniziato questa nuova università con l'entusiasmo di quel "Jump" che ho scritto sull'agenda la settimana dell'immatricolazione e voglio continuare a stare in tensione come allora. La fatica quotidiana del prendere appunti, stare in classe, seguire e ricopiare mi è fruttata dei bei voti... in calo drastico in questo secondo semestre in cui invece mi sto addormentando un po' sugli allori.
Voglio rimettermi in carreggiata e fare le cose per bene, dedicando più tempo al dovere che al piacere in modo da potermi godere due mesi di solo piacere, senza doveri.
Tutto il mio impegno non è riservato al giudizio ricevuto - anche se ammetto che la soddisfazione di prenderne di belli è un piacere che non mi aspettavo di provare mai - ma più al miraggio di un'estate senza niente da fare.
Dico dico ma poi, quando è il momento di fare, mi perdo tra i forum, Twitter e tutte le altre belle cose (The Mentalist, House MD, Glee, Game of Thrones, Rayearth, Tsubasa Chronicles...) che riempiono il mio tempo libero. Suor Agnese, al Convegno, ha detto che il tempo "libero" è quello che ci dice chi siamo. Io lo riempio con oratorio, cinema e Croce Rossa... ma anche con tutte queste mie passioni. Non scrivo quasi più, e sono certa che la causa siano proprio tutte queste cose a metà che mi irretiscono. Le idee per scrivere le ho, ma paradossalmente "mi manca il tempo".

Stavolta non ci voglio ricascare: voglio lasciar perdere film, telefilm, anime e manga e dedicarmi a metodologia della ricerca, psicologia, antropologia culturale e principi e fondamenti del servizio sociale. Detta così non sono tanti, ma il volume di cose da studiare aumenta sempre più. Mi metto e lo faccio. In nome di un'estate dedicata solo a oratorio, telefilm, libri e tanti racconti da scrivere.


(c) Hubspot

0

copyright © . all rights reserved. designed by Color and Code

grid layout coding by helpblogger.com