03 dicembre 2012

..'till it's time for Christmas Day.

Tra tre settimane è Natale, ma questo penso lo sappiano tutti.
Alcune persone che conosco hanno fatto l'albero tre settimane fa, i negozi sono pieni di palline e puntali da un mese e iniziano a vedersi le prime luci sui balconi e le pubblicità con le stelline e le campanelle in tv.
La settimana scorsa il camion della Coca Cola, tutto pieno di sgargianti lucine e di rosso e oro, è passato quattro volte sotto la mia finestra per ricordare a tutti che periodo stava inziando.
Insomma, non si può non sapere che Natale è vicino.
Io sono stata abituata che il Natale inizia l'otto dicembre e termina il sei gennaio, e così voglio fare anche quest'anno. Grafica, colori, addobbi, regali... voglio iniziare tutto all'Immacolata, come quando ero bambina e come hanno fatto i miei genitori e i miei nonni prima di me.
La verità è che mi chiedo se chi si affanna a preparare, addobbare, illuminare, decorare capisca il senso nascosto dietro tutto questo. Non voglio fare filosofia spicciola o sembrare la moralista di turno, è solo che io credo che nel Natale ci sia molto - ma davvero MOLTO - più che questo.
Molto più che decorare i balconi, fare gli alberi e pianificare eterne liste di regali.
C'è una canzone di Steven Curtis Chapman che amo che dice
No, non è nella neve, che può cadere o meno
e non è nei regali attorno all'albero
è nell'amore che il Cielo ci ha donato
la notte che è nato il Salvatore
e quell'amore può essere scoperto dovunque tu sia:
il Natale è tutto nel cuore.
Sinceramente credo che queste parole dicano mille volte quello che penso.
Io mi chiedo se chi non crede capisce il vero senso di questa festa. Non è farsi i regali, riempirsi di lucine e buoni sentimenti, mettere i Baci nei bicchieri e farsi gli auguri.
Lo so, sembra ovvio. Sembra patetico e scontato, ma il cuore di questa festa è nel metterci il cuore.
Adoro le decorazioni, le luci e le carole di Natale - soprattutto le carole di Natale - ma credo che questa festa sarebbe meravigliosa anche senza queste cose.
Provate a immaginare il vostro Natale senza albero, senza neve, luci, musica e regali.
Sarebbe bello lo stesso? Vorrei che tutti rispondessero di sì, che sarebbe bello lo stesso.
Perchè è così che dovrebbe essere, accidenti! Vorrei che per un anno si vietassero tutte le ostentazioni di Natale e vedere quanta gente lo festeggerebbe ancora, perchè solo così si capirebbe il valore di questa festa, troppo spesso coperto dalle (bellissime, perchè non si può dire il contrario) decorazioni e abitudini ad essa legate: dalle riunioni coi parenti alle mangiate colossali, dalle montagne di regali ai giochi in famiglia, dalle canzoni attorno all'albero alle città scintillanti di lucine.
Per quanto mi riguarda il Natale sarebbe splendido e magico comunque. Io continuerei ad aspettarlo con la stessa emozione, perchè per me Natale significa andare a Messa e pensare a un Dio così grande da diventare un bimbo, perchè per me Natale è pensare che Dio è stato un bebè che profumava di latte e che sua mamma l'ha cullato proprio come la mia ha cullato me. Non c'è nessun Dio come questo. Continuerei ad aspettarlo, perchè il Natale mi fa vedere Gesù Bambino in ogni bimbo e bimba che incontro per strada e che mi fa venire voglia di amarli, proteggerli e aiutarli con tutte le mie forze.
Per questo aspetto il Natale, per farmi rivivere con tutta l'intensità di una scena di presepe l'essenza di Dio. E non aspetterei il Natale per "essere più buona" o per stare con la mia famiglia: queste cose cerco di farle ogni singolo giorno dell'anno. Perchè, come dicevano Jovanotti e Luca Carboni tanti tanti anni fa,
o è Natale tutti i giorni
o non è Natale mai
Per questo continuerò con la mia politica di vivere il Natale di luci e colori onorando il mio passato e le mie tradizioni, cercando di viverne lo spirito ogni giorno, d'estate e d'inverno, e aspettando ancora una volta con trepidazione che Gesù mi si mostri con gli occhioni e le manine di un bambino, per farmi risplendere nel cuore la fiamma dell'amore per l'umanità che ogni Natale fa riaccendere dentro di me.


(C) PegPondering

0 notes:

Posta un commento

Grazie per il tuo commento! -- Lyra