20 novembre 2017

Segnalazione ★ L'isola dei demoni

Il Flowerstardust è onorato di presentarvi la seconda fatica letteraria di Ilaria, autrice del blog Buona Lettura!
Quello di cui trovate la presentazione qui di seguito è fresco di pubblicazione: il 17 novembre infatti è stato autopubblicato su Amazon. Il costo dell'ebook è di soli 2,99€ (invitante, non trovate?), mentre il cartaceo costa 12€. In fondo al post trovate i link diretti per l'acquisto!

 
Che crediate nel destino oppure no, leggendo questo libro dovrete farvi delle domande. Un orfano, una principessa esiliata, una ragazza in cerca di vendetta, un guerriero imbattibile e un giovane erede al trono si troveranno a intrecciare le loro strade e a scoprire che le loro storie si intersecano con quella di una terrificante profezia di Isola.
Riusciranno a compiere la profezia, salvando il mondo e loro stessi, svelando misteri e portando alla luce tutta la verità?


E se non vi basta questa piccola ma succosa anticipazione, vi lascio un estratto del romanzo. Direi che parla da solo, quindi non sprecherò altre parole per presentarvelo!

Io, Nyxo, affinché non si commettano in futuro gli stessi errori che hanno portato al sangue e al presente in cui vivo, voglio iniziare a scrivere questo Grimorio, che sarà tramandato e protetto dalla mia famiglia in tutte le generazioni a venire. Ognuno dei miei discendenti lo arricchirà come meglio crede, aggiungendovi nuove pagine.
Prima di narrarvi della mia nascita, della nomina a sovrano di questa gelida terra dell’alto nord di Isola o di qualsiasi altro evento del tempo che fu, voglio trascrivere qui, nero su bianco, la Prima Visione avuta giorni fa, narratami direttamente dalla bocca della Grande Madre.

- Solamente la Portatrice figlia della famiglia che non esiste, nata nel giorno che non esiste durante la notte senza luna, sarà la salvatrice di Isola.
Dal Giorno dell’Epurazione sarà costretta a scappare e a nascondersi dagli occhi umani, dimenticando il suo nome e la sua ascendenza. Da reietta vivrà per anni nell’ombra senza nessuna identità, con la sola compagnia della natura, degli animali e dei Demoni, soprattutto quelli del suo passato. Osservando semplicemente la vita che la circonderà completerà il suo addestramento da Guerriero, diventando forse la più potente e temibile di tutta la sua intera stirpe. Dopo anni tutti la crederanno morta, eppure lei continuerà a osservare gli umani ignari della sua presenza, proseguendo a vivere nella natura incontaminata con la sensazione dentro di sé di dover aspettare qualcosa di indefinito, ma di vitale importanza, tuttavia senza comprendere di cosa si tratti.Nonostante i gravi torti che saranno fatti alla sua famiglia, costringendola a una vita solitaria e in continuo pericolo, il suo cuore e il suo animo saranno liberi da ogni pensiero vendicativo e funesto. La sua consapevolezza del passato, del presente e del futuro andrà ben oltre a quella di qualunque altro individuo.
Sebbene conoscerà i principi del bene e del male, il suo equilibrio interiore vacillerà nel momento in cui la verità sul passato verrà finalmente svelata al mondo intero, accendendo la fiamma del rancore che la brucerà piano piano dall’interno. Il nome della sua casata sarà riabilitato e tutti invocheranno il suo perdono, ciò nonostante sarà anche il tempo in cui varcherà la soglia delle tenebre maligne. Il suo cuore si tingerà di odio e risentimento che la porteranno a rinnegare ogni cosa, perfino se stessa, abbracciando consapevolmente il male. -
I ruoli si invertiranno: i buoni diventeranno i cattivi e i cattivi diventeranno i buoni, ma la realtà andrà oltre. Fortunatamente l’amore la condurrà nuovamente alla luce benigna e alla verità!
Quando avrà compreso le leggi dell’Universo, grazie anche all’aiuto dell’amore e dell’amicizia, ella avrà la forza e la conoscenza necessaria per affrontare il suo destino: sconfiggere definitivamente il Demone Primordiale nel giorno che non è giorno...


Link utili

★ per l'acquisto su Amazon :: cliccami!
★ il blog di ilaria :: cliccami!
★ la pagina Facebook :: cliccami!
★ l'account di G+ :: cliccami!
★ il suo primo libro, "L'imperatrice della tredicesima terra", su Amazon :: cliccami!


Sono felice di aver ospitato Ilaria sul mio blog, e spero che a voi sia venuta voglia dic onoscere meglio lei e i suoi romanzi. Personalmente non vedo l'ora di leggerli!



13 novembre 2017

Challenge Recap + Project Ten Books

Manca un mese e mezzo alla fine dell'anno (quante di voi si sentono in ansia dopo questa frase?) e forse è giunto per me il momento di fare un "check" delle challenge annuali, in vista dello scatto finale per poter tagliare il traguardo!

Made in Italy Book Challenge - 10/12

Ospitata dal blog di Vale, Universi Incantati, questa challenge consisteva in leggere 12 libri, uno per mese, di autori italiani. Al momento sono riuscita a stare al passo... riuscirò a terminare? Questo mese sono in grosse grosse difficoltà causa mancanza di tempo!

GENNAIO :: Hania - Il cavaliere di Luce (Silvana De Mari)
FEBBRAIO :: La guerra degli elementi - gli eredi di Atlas (Veronika Santiago)
MARZO :: Hania - il regno delle tigri bianche (Silvana De Mari)
APRILE :: L'isola dei libri perduti (Annalisa Strada)
MAGGIO :: Per questo mi chiamo Giovanni (Luigi Garlando)
GIUGNO :: Gens Arcana (Cecilia Randall)
LUGLIO :: Storie di colori (premio Trichiana paese del libro)
AGOSTO :: Qualcosa (Chiara Gamberale)
SETTEMBRE :: Sei personaggi in cerca d'autore (Luigi Pirandello)
OTTOBRE :: Il passaggio dell'orso (Giuseppe Festa)

Reading Goals Challenge - 36/65

Ideata dal blog Divoratori di Libri di Giusy, ha avuto alti e bassi... ma io ho "tenuto botta", come si suol dire! Mi ero data 65 propositi, e al momento attuale ne ho spuntati 36: più della metà! Ne ho ancora 29 da spuntare (e non credo di riuscire a farlo), ma mi sento già molto brava così! Qui trovate la mia lista di propositi e i libri con cui ho depennato le voci completate!

Goodreads Reading Challenge 2017 - 40/50

Questa challenge si commenta da sola: in un anno dovevo riuscire a leggere 50 libri. Idealmente dovevano essere 52, uno alla settimana... ma ho deciso di andare di numero tondo, sicura che non mi sarei avvicinata neanche lontanamente al mio obiettivo.
E invece no. Ho un mese e mezzo per completarlo, e mi mancano solo 10 libri.


E per farcela, ho deciso di sfidarmi con il Project Ten Books!

Questo progetto è una sorta di "patto con sè stessi", per il quale non si acquisteranno libri nuovi finchè non verranno terminati i 10 libri scelti per la sfida.
Io sto bramando da settimane Caraval, Gemina e soprattutto Tre oscure corone... quindi spero che questo mi motivi ulteriormente nella mia decisione di leggere questi 10 libri che mi mancano, per regalarmi i tre suddetti libri per Natale (o magari pure prima!).

La scelta dei 10 libri da leggere ricade su:

   
 
 

Avete letto qualcuno di questi libri? Avete suggerimenti su cosa dovrei leggere prima?
Qualunque suggerimento o consiglio sarà bene accetto! :) 

Baci e stelle a tutti!
A presto!


02 novembre 2017

Recensione ★ La piccola principessa

Un grande classico della letteratura per bambini d'altri tempi! Sapete quanto io adori questi piccoli, vecchi capolavori! Piccole donne, Il giardino segreto, Pollyanna, Anna dai capelli rossi... Amo queste storie delicate e profonde di bambine dalle capacità semplici e speciali. Questo libro non l'avevo ancora letto... e ammetto di averlo profondamente amato!


La piccola principessa
 di  Frances Hodgson Burnett


Sara Crewe ha sette anni, quando dall'assolata India si ritrova a Londra. Come tante altre bambine, i suoi prossimi dieci anni trascorreranno nel collegio di Miss Minchin, che la educherà e la istruirà affinchè diventi una perfetta fanciulla di buone maniere. Ricca ed elegante, Sara viene subito soprannominata "la principessa" e additata ad esempio di educazione e diligenza a tutte le compagne. Ma ben presto la sfrortuna colpirà il Capitano Crewe, che prima perderà tutto e poi anche la vita. Quando Sara diventa un'orfana senza più niente, miss Minchin abbandona qualunque predilezione nei suoi confronti e la costringe a lavorare come una serva. Solo la sua immaginazione potrà permettere a Sara di sopravvivere, e di continuare a sentirsi una principessa.

Come penso la maggior parte delle ragazze della mia età, avevo visto il film La Piccola Principessa diretto da Alfonso Cuaròn, uscito più o meno nel 1995 (questo qui). Io e mia sorella lo adoravamo e lo riguardavamo spessissimo. Anche allora, però, ricordo che la storia mi era sembrata decisamente troppo improbabile e stucchevole: il finale e la parte "magica" soprattutto. A me le eroine bambine piacciono sempre... ma quando la storia mi sembra troppo finta e artefatta mi perde un po' di fascino. Nella versione originale della storia, però, non ci ho trovato nessuna delle cose che non avevo apprezzato del film: tutto il pathos delle scene finali del film non c'è, perchè la storia finisce in modo del tutto diverso... in modo molto più realistico (pur nell'esagerazione delle coincidenze, d'accordo) e meno scenografico!

Il personaggio di Sara, che nel film non mi aveva entusiasmato del tutto, nel libro mi è piaciuto moltissimo: ho adorato la sua immaginazione, che la salva dallo sconforto, e la sua capacità di non abbandonarsi mai alla disperazione. Ho amato la sua capacità di affrontare le cose brutte della vita "immaginando", e che sia proprio l'immaginazione a permetterle di fare la cosa giusta, anche quando non è la più facile. Ed è proprio continuando a comportarsi come se fosse una principessa, che Sara alla fine lo diventa davvero!
La storia di questa piccola Cenerentola che diventa una principessa senza fata madrina nè magia è molto realistica, e mi è piaciuta perchè mi ha ricordato una volta in più che sono le nostre scelte, a fare di noi ciò che siamo: ognuno di noi diventa quello che ha deciso di diventare, nè più nè meno. Le cose ci succedono, ma siamo sempre e solo noi a decidere chi vogliamo essere nelle cose che ci succedono.
Se Sara avesse fatto vincere lo sconforto e si fosse abbandonata al suo destino, se avesse perso la speranza, se avesse risposto con cattiveria alle cattiverie, se avesse deciso di concentrarsi sulle sue sfortune ignorando quelle altrui... non sarebbe mai diventata la principessa che immaginava di essere.
L'altruismo e la gentilezza che continua a coltivare - con sofferenza, sia chiaro! Non le è mai facile essere buona e generosa quando è la prima a soffrire la fame e la tristezza - le permettono di sopravvivere e di arrivare al lieto fine. Un lieto fine che non è solo per lei, ma anche per Ermengarda e Lottie, per Becky e per Anna. Una spirale di gentilezza e di immaginazione che permette al mondo di diventare migliore, una persona alla volta. Solo chi legge il libro - nella sua versione originale - fino alla fine capisce cosa intendo.

Questa storia mi ha ricordato per l'ennesima volta l'importanza dell'immaginazione, in cui anche io ero solita rifugiarmi spesso quando le cose andavano male. Una immaginazione che non "distacca" mai dalla realtà, sia chiaro: la aiuta solo ad essere più sopportabile, dal momento che non si dispone dei mezzi e delle forze per cambiarla. Sara non finge di essere una principessa per dimenticarsi quello che è, ma per ricordarsi che essere una principessa non vuol dire vivere nel lusso, ma essere gentile, generosa, premurosa e buona anche se si è vestite di stracci. Ed è di sicuro il genere di principessa che preferisco.

Mi piace fantasticare. Non c'è nulla di più divertente. È quasi come essere una fata: se immagini intensamente le cose, alla fine è come se fossero reali.

Stelle: 5/5


31 ottobre 2017

Recensione ★ Lisbeth e il segreto della città d'oro

Un libro forse non troppo famoso, ma che mi ha catturato per la sua meravigliosa copertina.. e che mi ha talmente coinvolto da farmi venire voglia di finire in fretta le faccende di casa per poter leggere un po' nei ritagli di tempo! Era da un sacco che non trovavo un libro così coinvolgente!


Lisbeth e il segreto della città d'oro
 di  Mavis Miller


Lisbeth abita nella meravigliosa città d'oro, dove tutti gli abitanti, al compimento del loro tredicesimo compleanno, diventano Lucenti. I loro capelli diventano d'oro e riesco a librarsi, leggeri, volando sulle ali della brezza. Le mura della città sono d'oro, le vie lastricate di pietre preziose. I ragazzi studiano in un bellissimo collegio dalle mura splendenti e imparano le arti, la musica e la danza, piroettando in abiti meravigliosi. Non c'è altro che Lisbeth desideri al mondo, se non che la mattina del suo tredicesimo compleanno scopre che i suoi capelli castani non sono cambiati per niente: Lisbeth è una non-Lucente. Un errore? Una maledizione? Una malattia? Certo è che sarà l'inizio di una incredibile avventura.
   

La copertina di questo libro non è rappresentabile fedelmente in fotografia: tutto il biondo dei capelli di Lisbeth, infatti, è in realtà dorato... e anche il resto della copertina scintilla di carta metallizzata dai colori pastello! Ho preso questo libro attratta dalla copertina, ma anche dalla trama: è la storia di una ragazzina normale che deve trovare il suo posto in una città fatta solo di persone speciali.

L'idea di fondo e l'ambientazione della storia sono molto originali: la Città D'Oro è un posto meraviglioso, in cui abita un popolo di Lucenti, tutti ricchi, felici e bellissimi. Non esistono problemi e non esistono le cose brutte, nessuno soffre o litiga o piange. Anche la morte, che sopraggiunge solo per le persone anziane, è anticipata da una musica celestiale che permette loro di accomiatarsi dai parenti nella pace e nella serenità. I Lucenti vivono una vita perfetta, protetti dalle mura d'oro della loro città, al di là delle quali si stendono le misteriose e pericolose Terre Selvagge, in cui abitano malviventi e malfattori. Sono terre pericolose e inesplorate in cui nessun Lucente si avventura: e perchè dovrebbero? La loro vita è completa, felice e perfetta! E lo è davvero, non perchè "non sanno cosa si perdono"!
Lisbeth si ritrova ben presto tagliata fuori da questa vita perfetta: quando a tredici anni scopre di non essere Lucente, scopre di non poter studiare al Collegio Lucente con tutti i suoi amici, scopre di dover fare una cosa vergognosa come "mangiare" e deve scendere a patti col fatto che non potrà mai volare. Tutto questo la porta a dover essere accolta al collegio femminile delle Terre Selvagge, dove scoprirà un piccolo pezzo di un enorme mondo che si stende ben al di là della Città D'Oro.
 
I personaggi sono originali e mai stereotipati, sono tanti e tutti caratterizzati bene. In particolare mi è paiciuto molto Andrè, perchè infrange molti clichè da traingolo amoroso letterario, e la cosa mi ha colpito positivamente!
La trama procede velocemente, un mistero e un intrigo dietro l'altro... e se all'inizio il mistero principale della storia sembra essere solo quello del perchè Lisbeth non è lucente, si finisce per essere incastrati in un giro di misteri, segreti, scomparse e sotterfugi veramente incredibile! Il tutto con uno stile semplice e incalzante che non è mai troppo banale nè noioso!
 
La cosa che mi è piaciuta di più del libro è proprio la sua tematica principale: accettare sè stessi e il fatto che a volte i sogni non si realizzano (ce ne sono tante altre, tipo "conoscere il diverso", "scoprire che non tutti hanno le nostre fortune", "provare cose nuove"... è un libro veramente in grado di affrontare tantissimi argomenti!)

La storia di Lisbeth mi ha ricordato che a volte siamo talmente focalizzati su quello che vorremmo che ci perdiamo anche il bello di ciò che, volenti o nolenti, stiamo vivendo. Proprio per questo credo che sia un libro perfetto da leggere alle bambine e ai bambini intorno ai dodici anni, quando si inizia a credere di valere meno degli altri solo perchè gli altri "sono più belli" e "riescono meglio"... ma che è bello leggere anche da adulti, quando si inizia a fare i conti con sogni che non diventeranno realtà. Un libro che ti fa scoprire che a volte, la bellezza e la felicità, si nascondono in luoghi dove non pensavamo nemmeno di trovarle.

 
Un tempo Lisbeth se ne sarebbe stupita, ma ormai aveva imparato che per essere felici,
il più delle volte, non c'è affatto bisogno della perfezione.

Stelle: 5/5


24 ottobre 2017

The Deadline - il nuovo progetto targato NDE

Stamattina ho deciso di cimentarmi con l'esplorazione di The Deadline, la visual novel interattiva di Nativi Digitali Edizioni. Se posso darvi un consiglio, non fermatevi alle prime righe di questo commento (io in compenso cercherò di essere breve!)...


Premetto che io non sono affatto pratica di visual novel: non le conosco e non le ho mai provate. Però tutto quello che ha a che fare con lettura e scrittura mi attira e così, un po' a scatola chiusa, ho deciso di vedere di cosa si trattava.

All'inizio non vi nascondo che la cosa mi ha laciato un po' perplessa.
Le immagini sono piuttosto statiche e solo le espressioni dei personaggi cambiano di tanto in tanto per andare in parallelo con il tono del discorso: la storia viene portata avanti dai testi che scorrono nella parte bassa dello schermo, e siccome leggo molto velocemente ho finito per cliccare quasi ininterrottamente dall'inizio alla fine per andare avanti nella storia.
Nel racconto poi ho trovato un po' troppe parolacce per i miei gusti (ma in questo so di essere esagerata, quindi non fateci caso) e a volte i dialoghi mi sono sembrati troppo lunghi. Mi rendo conto che essendo l'inizio della storia è necessario "presentare" i personaggi, ma a volte mi è sembrato che i dialoghi continuassero a rimarcare aspetti della personalità dei personaggi che si coglievano al primo scambio di battute... o al primo sguardo, visto che la grafica è molto curata!

Mi sono piaciuti infatti moltissimo gli sfondi e soprattutto i personaggi: lo stile delle illustrazioni secondo me è il giusto mezzo tra la "caricatura" da personaggio di fantasia e il realismo. Sono pieni di dettagli che li rendono subito facilmente individuabili: c'è il gentleman cinquantenne che parla con una correttezza esasperante, l'irlandese smanettone e bevitore di birra, la picchiatrice in eleganti abiti maschili e un giovane genietta della truffa dal viso innocente.
A condire - e guidare - il tutto c'è Ramfis, uno spiantato scrittore, eterno universitario, un po' nerd e incapace di tenere in ordine la sua casa e la sua vita. Con un carlino - di nome Charles! - bonus.

Se all'inizio non sapevo proprio cosa aspettarmi, quando mi sono ritrovata a leggere la trama del libro di Ramfis e la conseguente scoperta dei personaggi a casa sua mi sono ritrovata a pensare «ma io sto davvero leggendo questa roba?», perchè mi sembrava davvero tutto molto assurdo... un po' come Guida Galattia per Autostoppisti, che piace a tutti per la sua irriverenza e la sua ironia ma che su di me proprio non attacca.

Ero scettica, dicevo... ma poi è giunta la svolta.

Mi è bastato arrivare al punto in cui i personaggi iniziano a proporre la loro versione della storia per ritrovarmi a pensare «Però, vorrei davvero scoprire da che parte andrà a finire!».
I dialoghi erano interessanti, pieni di elementi curiosi e di proposte intelligenti. Tutte le versioni di storia proposte dai personaggi erano perfettamente calzanti con il loro modo di essere e tutte ugualmente intriganti... decidere quale scegliere è stato davvero difficile!
Pensate che delusione quando mi sono accorta, solo un paio di scene dopo questa svolta... che la demo era terminata! Ma adesso sono super-esaltata e vorrei davvero sapere dove andrà a finire questa storia... tanto più che non andrà dove vorrà lei, ma dove vorrò io! Non trovate che sia veramente una cosa geniale? È davvero l'ebook del futuro!

Come ho detto, questa che ci permettono di sperimentare è una demo che contiene solo l'introduzione e il primissimo capitolo della storia, ma vi assicuro che è abbastanza sviluppata da permettere a chi gioca/legge (il confine è sottilissimo!) di capire come funziona il tutto e di decidere se piace oppure no. E a me è piaciuta! All'inizio ero un po' scettica, ma ora sono stracuriosa di sapere come andrà a finire... proprio come quando leggi un bel libro! :)

Vi lascio i link per testare la cosa di persona, che è sempre il modo migliore per conoscerla!
E vi ricordo che il tutto è ovviamente e semplicemente... gratis!


17 ottobre 2017

Blogger Recognition Award

Ricevere due riconoscimenti nel giro di poco tempo non è da poco, e per questo devo ringraziare le tante persone che stanno commentando il mio blog e che poco o tanto seguono i miei post!

Questa volta il grazie più grande va a Ily, che mi ha nominato tra i 15 blog da "tenere d'occhio". Il suo blog parla di una malattia ancora non molto conosciuta con cui sta convivendo: l'artrite reumatoide. Dategli un'occhiata!



:: le regole ::
1. ringraziare il blogger che ti ha nominato e inserire il link al suo Blog
2. scrivere un post per mostrare il proprio riconoscimento
3. raccontare la nascita del proprio Blog
4. dare consigli ai nuovi blogger
5. nominare altri 15 blogger ai quali vuoi passare il segno di riconoscimento
6. commentare sul Blog di chi ti ha nominato e fornirgli il link al tuo articolo (anche sulla pagina Fb)


La nascita del Flowerstardust è ormai nota ai più: la sottoscritta, irrefrenabile grafomane e amante dei ricordi trascritti nero su bianco per riviverli di tanto in tanto, aprì un blog per raccontare le sue peripezie giornaliere, problemi di casa, famiglia e università. Pian piano iniziò a parlare anche di cose che amava, posti, persone, telefilm, musica... e ovviamente i libri. Tanti, tanti libri. E quindi ecco qui il Flowerstardust: che è un blog di libri ma anche molto, molto di più!

Ai nuovi blogger non posso dare che un consiglio: non fissatevi su follower e regole tecniche per la visibilità, e passate più tempo a coltivare relazioni! Leggete post altrui, lasciate commenti, scambiate mail e createvi una rete di persone interessate a voi e a quello che scrivete, così come voi nel frattempo di sarete legati agli altri e a quello che loro scrivono: non sarete più numeri nel gadget "lettori fissi" ma persone legate le une alle altre, e sarà tutto più bello! Il mio post su questo argomento lo trovate qui!

Scegliere 15 blogger a cui dare questo riconoscimento non sarà facile! Ce ne sono così tanti (e molti già stranoti) che vorrei dare il giusto merito a tutti! Ecco le mie nominations:

  1. Ariel Make Up
  2. Le storie infinite di Tibi
  3. Dreaming Wonderland
  4. Cara Lilli...
  5. The road to hell is paved with books
  6. Buona lettura
  7. Twins Bookslovers
  8. Ombre angeliche
  9. Il salotto del gatto libraio
  10. The Book Seeker
  11. Libri, libretti, libracci
  12. Words of Books
  13. Universi Incantati
  14. Atelier dei libri
  15. Io resto qui a leggere

Volo ad avvisare tutte le persone che hanno ricevuto questo piccolo riconoscimento da me! Ringrazio ancora Ily - che mi ha scoperto tramite la mia paginetta di Faccialibro (vi lascio il link) e vi auguro una splendida metà settimana! Baci e stelle a tutti!